Datacenter al sicuro con le telecamere termografiche

5 Lug 2021

Home 9 Reti 9 Datacenter al sicuro con le telecamere termografiche

Articolo aggiornato il 5 Luglio 2021

Abbiamo parlato a più riprese delle telecamere termiche e dei loro molteplici campi di utilizzo, dalla videosorveglianza al controllo accessi, dal monitoraggio ambientale (ad esempio per il rilevamento di incendi in aree vaste) fino al controllo di zone remote.

In  una server farm o in un data center i parametri ambientali devono essere misurati e monitorati in modo costante. Se l’aria condizionata all’interno di una sala server o del data center si blocca, o funziona male, i server si surriscaldano mettendo in pericolo il sistema informatico e l’archiviazione dati. I dischi, oltre una certa soglia di temperatura, possono perdere dati o smettere di funzionare, per non parlare del rischio incendio che può portare alla distruzione totale dell’intera infrastruttura IT. Ogni minuto di downtime dell’infrastruttura IT può portare l’azienda a sostenere costi importanti e, nel caso di piccole e medie imprese, un’infrastruttura IT distrutta compromette l’esistenza stessa dell’azienda.

Le telecamere termografiche Cube della Hikvision possono rivelarsi fondamentali nel controllo dei data center, delle server farm e dei quadri elettrici. Le telecamera Cube, compatte e di semplice installazione, sono affidabili e tempestive nella rilevazione di eventuali anomalie, condividono i dati di analisi e le notifiche di allarme con un software proprietario e sistemi PLC attraverso il protocollo Modbus.

Le camere Cube Termografiche HikMicro di Hikvision sono dotate di una varietà di funzioni di serie:

  1. risoluzione termica (ossia la quantità di pixel che determina la dimensione della matrice del sensore e la qualità dell’immagine acquisita) pari a 160×120;
  2. NETD (Noise Equivalent Temperature Difference, che misura la capacità di un sensore di immagini termiche di distinguere tra differenze molto piccole nella radiazione termica nell’immagine) inferiore a 40mK;
  3. misurazione temperatura per 10 Punti, 10 Aree, una linea;
  4. possibili integrazioni con i protocolli SDK, ISAPI, HTTP Listening, Modbus.

 

Contattaci

Contatto commerciale
reCAPTCHA
Consulta la nostra Informativa sulla Privacy

Altre news

La nostra esperienza a fianco di PineApp

La nostra esperienza a fianco di PineApp

OBS Italia ha stretto una collaborazione con PineApp, neonata start up imolese composta da giovani programmatori che si dedicano alla creazione e allo sviluppo di applicazioni web. Fra queste c’è Working Bot: un’app che monitora e traccia, attraverso note scritte e...

OBS Italia interviene nell’Alma Mater di Bologna

OBS Italia interviene nell’Alma Mater di Bologna

E' un intervento di grande prestigio quello che noi di OBS Italia abbiamo da poco concluso nella sala Stabat Mater dell'Archiginnasio di Bologna, una delle più prestigiose della città. Siamo stati chiamati per rinnovare gli impianti audio e video, ormai obsoleti e di...