NEWS

Pannelli fotovoltaici rossi: come preservare centri storici e paesaggi

Notizia aggiornata il: Set 15, 2023 @ 12:39

Nonostante i recenti decreti legislativi abbiano notevolmente liberalizzato la possibilità di installazione di sistemi a pannelli fotovoltaici nei centri storici, restano comunque alcune limitazioni e, in generale, la necessità di preservare il patrimonio artistico e architettonico della città.

“In ogni settore di nostra competenza ci avvaliamo dei migliori partner sul mercato – spiega , Cristian Bassi, Responsabile settore Energia di OBS Italia -. Nel caso del fotovoltaico è fondamentale contare su un fornitore di pannelli affidabile, che garantisca la migliore qualità dei materiali e che sia all’avanguardia nelle soluzioni proposte. Per questo oggi siamo in grado di mettere a disposizione dei nostri clienti dei pannelli fotovoltaici sagomati e dei pannelli fotovoltaici color rosso, studiati appositamente per impianti su case di pregio in zone a vincolo storico e paesaggistico.”

I moduli fotovoltaici Trienergia della linea TRIxxxDP-RR RED sono pannelli solari ad alta efficienza pensati proprio per soddisfare anche il lato estetico e accrescere il valore dell’abitazione (villa, villetta o case di pregio) su cui vengono installati. Grazie al colore rosso mattone (rosso RAL 8015) si mimetizzano perfettamente con le tegole rosse del tetto e sono particolarmente adatti nei centri storici e in zone sottoposte a determinati vincoli paesaggistici o storici.

Ogni modulo fotovoltaico rosso è composto da 42 celle M6 (166 x 166mm) in silicio monocristallino con tecnologia PERC (Passivated Emitter and Rear Cell), ed è utilizzabile per impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica (grid-connected). Potenza nominale di picco: 320 Wp.

“Il costo di questi pannelli è un po’ superiore a quelli tradizionali e la resa leggermente inferiore – spiega Bassi -, tuttavia integrano la nuova tecnologia back-contact MWT (Metal Wrap Through) che consente di avere gli elettrodi nella parte posteriore dei moduli e le celle fotovoltaiche non presentano saldature nei punti di connessione, in quanto vengono incollate su un backsheet conduttivo, riducendo al minimo i rischi di rottura e microfrattura e producendo un rendimento maggiore (fino al 20% in più dei moduli standard).”

Inoltre, grazie al fatto che le celle vengono incollate singolarmente sul backsheet e non più collegate tra loro mediante i ribbon, si ottiene un’ottimizzazione integrata nel caso di ombreggiamento parziale. Con l’ombra che copre solo  una parte del pannello, non viene persa la potenza di tutta la stringa di celle, ma solo di quelle oscurate. In caso di ombra parziale, quindi, viene preservato il rendimento di una buona porzione di modulo.

Compila il form per avere maggiori informazioni