NEWS

Industria 5.0 e Piano Transizione 5.0

Notizia aggiornata il: Mar 21, 2024 @ 14:39

Approvato dal Consiglio dei Ministri il 31 gennaio 2024, il Piano Transizione 5.0 è di fondamentale importanza per le imprese italiane, che possono ulteriormente sviluppare progetti di digitalizzazione e sostenibilità.

Digitalizzazione e sostenibilità per il passaggio a Industria 5.0: il connubio vincente per le aziende italiane

La digitalizzazione e la sostenibilità sono diventate temi centrali nel panorama economico e industriale odierno. Il Piano Transizione 5.0 varato dal Governo intende favorire la digitalizzazione e la riduzione dei consumi, offrendo incentivi significativi alle imprese italiane che vogliono investire in tecnologie software e hardware innovative. Dalla produzione alla logistica, queste innovazioni potranno svolgere un ruolo cruciale nell’ottimizzare i processi lavorativi e ridurre l’impatto ambientale.

“Manca solo Decreto Attuativo, ma il quadro definitivo è chiaro – spiega Stefano Spagnesi, Amministratore OBS Italia -, bisogna dimostrare che gli investimenti, oltre ad essere interconnessi come per Industria 4.0, portano ad un risparmio energetico dell’unità produttiva nuova o dell’intero processo lavorativo. Il monitoraggio energetico diventa fondamentale, ancora una volta, oltre ad essere inclusa l’autoproduzione solare”.

Benefici e destinatari del Piano Transizione 5.0 per le imprese

I destinatari del Piano Transizione 5.0 sono imprese di tutte le dimensioni, comprese le micro, piccole e medie imprese (PMI). Con un investimento previsto di tredici miliardi di euro per la transizione digitale ed energetica delle aziende, il Piano Transizione 5.0 mira a premiare le attività che abbracciano la digitalizzazione e si impegnano nel contenimento dei consumi, in un ottica di sostenibilità ambientale.

Una delle caratteristiche più interessanti di questo piano è la sua stretta connessione con la Revisione del PNRR Italiano, che include una nuova missione intitolata Repower Ue, dedicata agli investimenti in sostenibilità. Questo potrebbe segnare una svolta significativa per l’industria italiana, aprendo la strada a una transizione ecologica simile a quella digitale innescata dalla precedente Industry 4.0.

Tuttavia, restano da definire i dettagli tecnici che verranno chiariti con gli imminenti decreti attuativi, i quali saranno cruciali per comprendere appieno le implicazioni e le opportunità offerte dal Piano Italia 5.0. Nonostante ciò, l’approvazione di questo piano rappresenta un importante passo avanti verso un futuro in cui l’innovazione digitale e la sostenibilità ambientale guideranno lo sviluppo economico e industriale del nostro Paese.

Le 3 opzioni di investimento agevolato contenute nel Piano Industria 5.0

Il Piano Transizione Italia 5.0 offre diverse opportunità di investimento agevolato, mirate a potenziare l’efficienza energetica, adottare tecnologie all’avanguardia e promuovere la sostenibilità. Queste opzioni includono:

  • Miglioramento dell’efficienza energetica: questo tipo di investimento riguarda l’acquisto di nuovi beni strumentali progettati per ottimizzare i processi produttivi riducendo il consumo di energia. L’obiettivo è massimizzare l’efficienza energetica dell’azienda, garantendo una produzione più sostenibile e riducendo i costi operativi.
  • Adozione di tecnologie innovative: il Piano Transizione 5.0 incoraggia le imprese a investire in tecnologie all’avanguardia, come la robotica avanzata, l’intelligenza artificiale, l’Internet of Things, la stampa 3D e il cloud computing. Queste soluzioni consentono di migliorare la produttività, ottimizzare i processi e rimanere competitivi sul mercato globale.
  • Promozione della sostenibilità: un’altra area di investimento incentivata riguarda la promozione della sostenibilità attraverso l’utilizzo di energie rinnovabili e l’adozione di pratiche produttive eco-friendly. Le imprese possono beneficiare di incentivi per implementare soluzioni innovative che riducono l’impatto ambientale delle loro attività.

Questi investimenti qualificati garantiranno ai beneficiari un credito d’imposta incrementato rispetto a quanto previsto dalla precedente Transizione 4.0. Sebbene le aliquote agevolative non siano ancora state confermate dai decreti attuativi, di imminente approvazione, si prevede che raggiungeranno fino al 20%, sommabili a quelle già previste dal Piano Transizione 4.0. In tal modo, le imprese potrebbero beneficiare di un’ aliquota massima del 40%, con la possibilità di ulteriori aliquote minori che portano il totale fino al 45%.

La percentuale di credito d’imposta riconosciuto varierà in base ai miglioramenti ottenuti in termini di efficienza energetica a livello aziendale (almeno del 3%) o a livello di processo produttivo interessato (almeno del 5%).

Nuovo Credito d’Imposta Industria 5.0: le nuove aliquote e i requisiti

Il Piano Transizione 5.0 prevede un incentivo sotto forma di credito d’imposta, che può essere utilizzato per compensare le imposte a debito o come sconto sul pagamento al fornitore dei beni strumentali. Le aliquote di questo credito d’imposta variano in base alla tipologia di investimento e al livello di efficienza energetica o innovazione raggiunto.

Le nuove aliquote per il credito d’imposta Industry 5.0 sono le seguenti:

Investimenti in beni strumentali per l’efficienza energetica:

  • 50% del costo se il risparmio energetico è almeno del 30% 30% del costo se il risparmio energetico è almeno del 20% Investimenti in beni strumentali per l’innovazione:
  • 40% del costo se il bene rientra nella categoria dei beni 4.0 20% del costo se il bene non rientra nella categoria dei beni 4.0 Investimenti in beni strumentali per la sostenibilità:
  • 30% del costo se il bene è destinato alla produzione di energia da fonti rinnovabili

Quali sono i tempi di attuazione per accedere al credito d’imposta 5.0

Per accedere al credito d’imposta, è necessario che gli investimenti siano realizzati entro il 31 dicembre 2026 e che i beni strumentali siano nuovi e acquistati da fornitori stabiliti in Italia.

In attesa dei decreti attuativi, come OBS Italia possiamo accompagnare le aziende in questa importante opportunità, anche per quel che riguarda gli aspetti burocratici.

Foto di Christopher Burns su Unsplash

Compila il form per avere maggiori informazioni


Transizione 5.0