NEWS

22 Mag 2020 | Impianti speciali

OBS Italia ottiene la certificazione per i sistemi di allarme Ajax

Cristian Bassi responsabile Sistemi di sicurezza

È arrivata per OBS Italia la certificazione ufficiale per i sistemi di allarme Ajax, una delle soluzioni più performanti e innovative sul mercato.

“Abbiamo seguito due corsi, uno a livello commerciale e uno tecnico – spiega Cristian Bassi, responsabile dell’area Sistemi di sicurezza OBS Italia -. Nove volte su dieci il malfunzionamento dei sistemi di allarme è dovuto a errori nell’installazione, e non da problematiche del prodotto. È per questo motivo che riteniamo fondamentale la conoscenza profonda degli impianti che trattiamo”.

I sistemi Ajax si basano su Jeweller, una tecnologia radio che ha alcuni punti di forza che li rendono tra i migliori sul mercato:

  • Durata delle batterie fino a 7 anni, tra le più elevate;
  • Trasmissione degli allarmi dai rilevatori alla centrale in 0,15 sec;
  • Copertura radio maggiore rispetto a tutti i principali competitor;
  • Sistema di crittografia dei dati molto innovativo e avanzato;
  • Rilevamento di disturbi radio e interferenze.

Il sistema permette poi di integrarsi con altre funzionalità.

“Si possono aggiungere i sistemi di rilevazione del fumo e della fiamma, oltre che di eventuali allagamenti – continua Bassi -. Possiamo integrarlo con telecamere per la videoverifica degli ambienti, sempre combinata al sistema di allarme. Senza dimenticare la predisposizione per scenari “smart” che permettono al sistema Ajax di governare le prese luce, le serrature elettriche, i cancelli, le caldaie e altri elettrodomestici”.

Il sistema è adatto sia per soluzioni residenziali che per attività commerciali e imprese di piccole e medie dimensioni.

“Il sistema si integra con il nostro servizio di assistenza professionale attivo 24 ore su 24, con una centrale operativa dalla quale rispondono tecnici OBS Italia, che possono verificare in tempo reale il tipo di allarme e dare risposta entro sessanta secondi, con un canale preferenziale con le forze dell’ordine e gli enti di emergenza”.