Come funziona effettivamente la domotica?

28 Set 2017

Home 9 Energia 9 Come funziona effettivamente la domotica?

Articolo aggiornato il 23 Settembre 2020

Come funziona la casa domotica?

La domotica si basa principalmente su alcuni elementi base:

  • facilità di utilizzo
  • affidabilità
  • risparmio energetico
  • automazione.

Soprattutto quest’ultimo punto è interessante perchè è proprio quello che consente alle persone di poter gestire o programmare tutti gli apparecchi elettronici anche a distanza.

Ma cosa viene gestito effettivamente dalla domotica?

Parliamo di controllo e gestione (anche remota) di:

  • sistemi di sicurezza
  • climatizzazione (regolazione della temperatura, ma anche velocità e umidità dell’aria)
  • riscaldamento dell’acqua (con termostati e timer)
  • illuminazione (grazie a sensori che percepiscono l’ingresso di una persona in un ambiente o l’apertura di una porta)
  • gestione della piscina
  • irrigazione del giardino e tanto altro.

Cosa vuol dire automazione?

Nelle automazioni la domotica funziona fondamentalmente grazie ad un sistema di sensori e di attuatori, potremmo fare come esempio quello di un sensore che rileva l’apertura di una porta e che così invia un segnale all’unità attuatrice che farà accendere le luci della stanza. Stessa cosa vale per la gestione della termoregolazione dei vari ambienti, in base ad esempio ai cambiamenti climatici, con un costante monitoraggio del consumo energetico. La domotica ha infatti sicuramente fra i suoi principali vantaggi quello di portare un significativo risparmio energetico, sia in termini di consumo che ambientali. Così anche per la generazione dell’acqua calda potremo controllare tutto secondo standard di qualità e risparmio.

Addio interruttore manuale!

Addio quindi al classico interruttore manuale, che sarà rimpiazzato da un sistema elettronico, dai sensori, dagli attuatori o da altre tipologie di sistemi gestionali.

La domotica controlla tempistiche e comunicazioni

La domotica può inoltre controllare anche le tempistiche in cui fare avvenire determinate azioni: l’apertura o la chiusura di tapparelle, tende, porte e gestire allo stesso tempo anche le comunicazioni, come videocitofoni, videocamere di sicurezza, email, telefonate etc… Un esempio? Poniamo il caso che nella vostra abitazione non ci sia nessuno e abbiate lasciato l’antifurto attivo, ma dovete consentire l’accesso ad un ospite. Avrete la possibilità, grazie alla domotica, di controllare la disattivazione del vostro sistema di allarme dal vostro smartphone, ovunque vi troviate, e aprire le porte di ingresso al vostro ospite! Incredibile vero?Questo meccanismo viene garantito da un gateway che fornisce una connessione permanente a banda larga, che dà l’accesso a internet alle unità domotiche o ai computer di casa, per consentire la trasmissione e l’invio dei dati e il controllo a distanza da remoto.

 

domotica-come-funziona-casa

Contattaci

Contatto commerciale
reCAPTCHA
Consulta la nostra Informativa sulla Privacy

Altre news

Videoconferenze sempre più semplici

Videoconferenze sempre più semplici

Una ricerca di mercato stima che, in media, negli ultimi sei mesi ogni persona ha usato per lavoro sei diverse piattaforme per videoconferenze, con le conseguenti difficoltà che tutti, almeno una volta abbiamo provato. ClickShare è una soluzione ideata da Barco che...

Industria 4.0: il condition monitoring

Industria 4.0: il condition monitoring

Tra le varie tecnologie e gli scenari dell’Industria 4.0 esiste anche il cosiddetto “condition monitoring”, che in italiano potremmo tradurre come “manutenzione secondo condizione” o, ancor meglio: “manutenzione predittiva”. Il condition monitoring è un nuovo...

Contributi per la sicurezza delle imprese

Contributi per la sicurezza delle imprese

Dal 6 al 20 settembre 2021 si potranno inoltrare alla Camera di commercio di Bologna le domande per il contributo dedicato all'acquisto di sistemi e servizi di sicurezza per micro e piccole imprese, consorzi e reti di imprese. Il monte complessivo dei contributi è di...