C’è smart working e smart working

La sede è vuota, come è giusto che sia, ma noi siamo operativi. In queste giornate difficili il termine smart working è sulla bocca di tutti. L’emergenza Coronavirus ha costretto molte aziende, di tutte le dimensioni, a lasciare a casa il personale, tutto o in parte, per poter aderire alle linee guida richieste dal Governo. Tuttavia la produttività deve continuare, nel limite del possibile, e bisogna trovare il modo per garantire servizi con la miglior efficienza possibile.

In questi giorni stiamo ricevendo molte richieste per strutturare sistemi di smart working, sui quali siamo particolarmente ferrati. Molti pensano che lo smart working sia semplicemente il lavorare da casa, con computer portatile e una buona connessione, in pratica una soluzione prettamente informatica. Lo smart working, come lo intendiamo noi di OBS Italia, e come dovrebbe essere nella realtà, è invece una soluzione più completa, è la possibilità di riprodurre in toto la stessa postazione aziendale nella propria abitazione, anche dal punto di vista della unified communication e dell’accesso alle risorse aziendali.

Tecnologie in cloud, unified communication, collaboration BYOD, sistemi di videoconferenze.

“Attraverso queste tecnologie e le soluzioni che proponiamo oggi è realmente possibile portare l’azienda a casa e non perdere mai produttività – spiega Matteo Parenti, Sistemista di OBS Italia -. Come spesso accade sono eventi straordinari come questa emergenza che portano le aziende a rivoluzionare la propria struttura e organizzazione. In questi momenti di difficoltà bisogna guardare avanti e prendere decisioni che potranno permetterci di ripartire più forti di prima”.

 

Contattaci

Contatto commerciale
reCAPTCHA
Consulta la nostra Informativa sulla Privacy