Industria 4.0: il condition monitoring

2 Set 2021

Home 9 News ed eventi 9 Industria 4.0: il condition monitoring ( Page )

Articolo aggiornato il 2 Settembre 2021

Tra le varie tecnologie e gli scenari dell’Industria 4.0 esiste anche il cosiddetto “condition monitoring”, che in italiano potremmo tradurre come “manutenzione secondo condizione” o, ancor meglio: “manutenzione predittiva”. Il condition monitoring è un nuovo approccio che controlla lo stato di efficienza e sicurezza della macchina attraverso i dati rilevati da sensori che analizzano in tempo reale vibrazioni, temperatura e altri parametri della macchina, così da anticipare eventuali problematiche e, al tempo stesso, richiedere l’intervento dei tecnici solo quando è realmente necessario.

Come funziona il condition monitoring?

Come già scritto, la rilevazione dei parametri di funzionamento e sicurezza della macchina viene affidata a sensori smart installati nei punti critici dell’impianto. Tali sensori rilevano vibrazioni, emissioni acustiche o eventuali altri parametri che vengono inviati a un software in grado di tradurre tali dati in informazioni utili ad avere un quadro dello stato di funzionamento della macchina, così da richiedere, se necessario, interventi di manutenzione.

Vibrazioni inattese o rumori fuori norma, ad esempio, possono nascondere guasti ai cuscinetti, disallineamento di alcune parti meccaniche, crepe, etc.
Altro elemento che può essere analizzato in tempo reale è lo stato degli olii e dei lubrificanti utilizzati dalla macchina. Infine si possono installare telecamere termiche per controllare il calore nei punti sensibili e valutare se il grado di temperatura sia fuori norma e, di conseguenza, nasconda una potenziale problematica.

Tutto ciò consente all’impresa di mettere in atto una strategia di manutenzione predittiva. I software più evoluti di condition monitoring sono in grado di incrociare le anomalie rilevate con i dati storici della macchina e arrivare a comprendere la gravità e l’urgenza del problema.

Condition monitoring vs manutenzione tradizionale

L’approccio tradizionale alla manutenzione delle macchine si basa sull’intervento di tecnici specializzati che, a intervalli regolari, vengono inviati a verificare da vicino le condizioni del macchinario. Ovviamente, gli stessi manutentori intervengono d’urgenza in caso di malfunzionamento.

Con il condition monitoring i tecnici addetti alla manutenzione controllano a distanza lo stato di salute dei macchinari. In caso di anomalie il software invia un avviso in tempo reale che i tecnici valutano a distanza e, se necessario, intervengono sul posto anticipando guasti più gravi o decidono il fermo macchina.

I vantaggi del condition monitoring

  • Riduzione dei guasti macchina e dei relativi tempi di inattività.
  • Tempestività degli interventi.
  • Riduzione generale dei costi legati alla manutenzione.
  • Eliminazione di sprechi di tempo da parte di tecnici.

Scopri cosa possiamo fare noi di OBS Italia per l’industria 4.0

Foto di ThisIsEngineering da Pexels

Contattaci

Contatto commerciale
reCAPTCHA
Consulta la nostra Informativa sulla Privacy

Altre news

Next generation building

Next generation building

Scopri Next Generation Building, la nostra soluzione per gestire la tua abitazione da un unico centro di controllo. Dalla sicurezza alla domotica, dal risparmio energetico alla videosorveglianza, la tua casa a portata di APP. Scopri di più

Bodycam sempre più diffuse

Bodycam sempre più diffuse

È sufficiente navigare in internet e cercare la parola bodycam tra le notizie per rendersi conto di come il settore delle telecamere indossabili sia in grande espansione. Eravamo abituati a vedere, su qualche datato programma televisivo, le immagini catturate dalle...

Crea la tua meeting room

Crea la tua meeting room

Fino al 30 settembre (salvo esaurimento scorte) offriamo la telecamera Jabra Panacast con in regalo lo speaker Speak 710, sempre Jabra. E' la soluzione ideale per una meeting room professionale. Jabra Panacast è progettata per essere la prima telecamera video...