Audio, luci e tradizioni tra la fraganza del pane appena sformato

La fragranza del pane appena sfornato, frutto della ricerca e della migliore tradizione gastronomica italiana. Si riassume così un’esperienza al forno Brisa di via Galliera, dove Pasquale Polito (abruzzese), assieme ai tre soci Giovanni Boari (da Bari), Esmeralda Spitaleri (da Catania) e Davide Sarti (da Bologna), ha dato vita a un’attività artigianale che sta riscuotendo premi e riconoscimenti. Un’attività che, forte del successo ottenuto, si è ultimamente arricchita di altri due tasselli: un negozio in via Castiglione e una pizzeria in via San Mamolo.

Una storia di successo gastronomico a Bologna, una delle capitali mondiali del mangiar bene, ma per avere successo, oggi, oltre alla qualità, serve altro. Il pane fatto come una volta, la pizza in teglia, le birre artigianali… tutti prodotti che hanno bisogno anche di un contesto adeguato per essere ulteriormente valorizzati. E così i quattro soci, evidentemente attenti agli aspetti del marketing, hanno incaricato l’architetto Riccardo Bandera di progettare gli spazi delle loro attività.

Bandera si è poi affidato ad OBS Italia per la progettazione e installazione degli impianti speciali: audio e illuminazione a LED. Il tutto è stato seguito dall’Ing. Diego Pettirosso.

Lo stesso architetto Bandera, sul suo sito, racconta in questo modo il progetto del forno Brisa:

“Il progetto spaziale e d’arredo cerca di fondere insieme due istanze. Da un lato fornire alla nuova attività un “vestito” su misura, un aspetto coraggioso e genuino quanto i prodotti che Forno Brisa produce, dall’altro cercare una dilatazione degli spazi mediante accorte demolizioni di partizioni verticali e di controsoffitti, frutto di recenti modificazioni. Anche la nuova vetrina, priva di profili intermedi e completamente apribile durante le stagioni più miti, proprio grazie alla sua impercettibile presenza, permette un ulteriore sfondamento dello spazio verso il portico pubblico, dando così la possibilità di una totale continuità tra interno ed esterno…”.

“Quello al forno Brisa rientra tra i lavori che ci danno più soddisfazioni – spiega Stefano Spagnesi, direttore di OBS Italia -, come in altre occasioni abbiamo avuto la possibilità di lavorare in collaborazione con un professionista come Bandera, specializzato in progettazione di esercizi commerciali, in un settore come quello della ristorazione di alta qualità, a Bologna. A noi piace intendere il concetto di relamping in maniera molto più ampia della semplice sostituzione dei vecchi corpi illuminanti con la tecnologia LED. OBS Italia ha intrapreso da tempo un percorso di studio sui sistemi di domotica e building automation, che oggi preferiamo definire sistemi di supervisione e controllo. Si tratta di un modo nuovo di concepire gli impianti e in maniera più ampia gli spazi di lavoro e quelli abitativi, nei quali al centro c’è l’utente e il suo comfort e, nel caso del forno Brisa, anche i clienti. Oggi siamo in grado di automatizzare ogni sistema, dall’audio che segue le persone nei movimenti, alle luci che si accendono al passaggio, alla temperatura degli ambienti che si adegua in funzione di come gli abitanti della casa vivono i loro spazi. I sistemi sempre di più apprendono vivendo insieme ai componenti della casa e rendono quasi inconsistente l’intervento umano”.

Leggi la case history sulla palestra Gym Republic

Leggi la case history sul lavoro di relamping Carpigiani

Sei interessato a un intervento di relamping nella tua azienda?

Prenota un sopralluogo gratuito e senza impegno dei nostri esperti.

Contatto commerciale
Share This